Juniores Elite A. Giornata 6 di ritorno. Vigasio-Concordia.

La giornata 6 ha portato alla ribalta due gare con situazioni quasi identiche: a Camisano, il Malo reagisce ad un primo tempo grigio e poi nella ripresa tira fuori l’orgoglio motivato, pensiamo,  dalla notizia di un Villafranca perdente in casa. A Vigasio succede la stessa cosa: padroni di casa dominanti nel primo tempo mentre nella ripresa viene fuori lo spirito dello  spogliatoio compatto del Concordia, motivato solo dalla voglia di fare un sano agonismo senza eccessi.
Al termine delle due gare, volti scuri per Fabio Casarotto del Camisano (che ha minacciato dimissioni) e per Fausto Tinazzi (nella foto di copertina) che non le ha ancora annunciate.

 

VIGASIO – CONCORDIA (1-0)  1-3

VIGASIO: Segna, Handrau, Filippo (dal 12st Loubaui), Caldana, Bertasini, Costantini (dal 24st El Wad), Fantasia, Bodini (dal 41st Martino), Storti (16st Bedusi), Braga (dal 31st Presi), Faccini. A disposizione: Romagnoli, Maragna. All. Castaldo

CONCORDIA: Albertini, Scarsetto (21st Fattori), Chiarello, Bova, Sterzi, Nwanojuo (dal 1st Flora), Chesini, Gaburro (dal 11st Mazzi) (dal 39st Guerra) , Moratti (dal 34st Dorin), Nicolis, Drria. A disposizione: Bertinelli, Scalabrin. All. Lo Presti

ARBITRO: Gasparotto Matteo di Schio
RETI: 33’pt Storti (V), al 18st Drria (C), 27’st Nicolis (C), 43’st Dorin (C)

 

Primo tempo con iniziale supremazia del Concordia che si faceva carico delle iniziative per tentare di sloccare il risultato poi era il Vigasio che  prendeva in mano la gara, soprattutto col centrocampo diretto da Braga ( ex del Concordia) e da Bodini che producevano diverse palle gol all’indirizzo di Fantasia super controllato da Scarsetto e di Storti. Il Concordia dimenticava presto il buon inizio di gara per subireprogressivamente la pressione ospite che si concretizzava con il vantaggio del Vigasio. Era proprio Braga,  che giocava davanti alla difesa, a recuperare un pallone e triangolare con Bodini, il quale d’istinto lanciava in profondità a Storti: dribbling stretto sul controllore l’uomo e palla dentro sul primo palo per l’1-0 del Vigasio.
Brutto Concordia nel primo tempo contro un Vigasio che chiudeva il primo tempo caricato  a mille.

Nella ripresa le cose cambiavano, lo spogliatoio viola si compattava in un patto leonino e rtornavano sul campo per cercare il pareggio che arrivava a metà ripresa con Drria bravo a sfruttare il corridoio di destra della difesa del Vigasio e a superare il portiere in uscita con un pallonetto. La situazione del morale aveva un’inversione di tendenza, Vigasio depresso e Concordia deciso a far suo il risultato.
Continuava infatti  la pressione dei viola e su azione di calcio d’angolo era bravo Nicolis ad anticipare tutti di testa e a portare in vantaggio gli ospiti. Giocata di classe perchè Nicolis alto non è, ma riusciva a precedere i difensori grazie alla propria intelligenza tattica e mobilità.
Reagiva finalmente il Vigasio, incitato da mister Castaldo e  andava vicino al pareggio in due occasioni ma i tiri in diagonale degli avanti del Vigasio sfioravano il palo per perdersi amaramente sul fondo. Prima Benedusi e poi Caldana facevano emozionare prima sospirare poi  i sostenitori di casa.
Sul finire della partita, come spesso accade con una squadra proiettata tutta in avanti,  rapida azione in contropiede del Concordia che con Vladut Dorin al 43′ trovava la terza rete che metteva al sicuro il risultato.
Primo tempo per il Vigasio, vittoria dello spogliatoio viola nella ripresa.