Giovanissimi Provinciali Verona. Borgo Soave-Vangadizza.

Pareggio che sa più di sconfitta per il Vangadizza che meritava senz’altro di più di un modesto 0-0; dopo il turno infrasettimanale perso a Bovolone con la peggior prestazione stagionale ci si aspettava una reazione da parte dei ragazzi di Provenzano Maurizio (nella foto di copertina) che ha incitato i suoi per tutta la gara.
Vangadizza che deve crescere molto per conseguire le ambizioni di inizio stagione; obiettivo recuperare la condizione e quella intensità che caratterizzava questa squadra per poter credere di essere protagonisti in questa seconda fase.
Borgo Soave arcigno in difesa con un ottimo portiere che urla e comanda la difesa ma poco efficace in attacco: solo nel finale si è fatto pericoloso con due calcio d’angolo e un paio di punizioni buttate dentro dalla trequarti.
Buona impressione l’arbitro, Fatos Kacbufi , non giovanissimo, ma molto sicuro, sicuramente esperto e di categoria superiore

 

BORGO SOAVE – VANGADIZZA 0-0
Arbitro: Fatos Kacbufi di Verona

La partita inizia con il Vangadizza che deve rinunciare al forte esterno Battistara,  l’ennesimo influenzato dell’ultimo periodo non certo fortunato; il primo tempo vede il predominio del Vangadizza nei primi 20 minuti dove sfiora più volte il gol del vantaggio, prima  con il centrale Soliman che svetta su calcio d’angolo e colpisce solo ma la palla lambisce il palo ed esce, poi un’altra occasione per Zerlotin ma il portiere di casa è bravo a intercettare in uscita e sventare l’occasione, poi ancora un paio di occasioni di Galvan ma i tiri su cross di Serinolli si perdono entrambi sul fondo.
Il Borgo Soave si limita a difendersi e lo fa anche in maniera ordinata e grintosa quando serve: a fine gara saranno ben quattro i cartellini gialli per i giocatori di casa.
Primo tempo che finisce senza che il Borgo Soave abbia mai tirato in porta.

Inizia il secondo tempo ed il mister del Vangadizza esegue subito due cambi per scuotere la squadra. Il Vangadizza conferma i primi 20 minuti del primo tempo con predominio territoriale anche nella ripresa dove il nuovo entrato Tosato sfiora in apertura subito il gol: lancio perfetto di Provenzano dove interviene Tosato che calcia con il portiere in uscita ma purtroppo la mira è sbagliata e la palla esce a lato. La pressione azzurra prosegue e guadagna un paio di calci d’angolo sventati,  una punizione calciata da Galvan verso Zerlottin il quale,  pescato in area si fa anticipare al momento del tiro.
Passano i minuti e il Vangadizza cala di intensità e concede più campo al Borgo Soave.
La squadra di casa dopo aver effettuato ben 4 cambi  cerca di aggredire di più, rendendo necessarie due chiusure del centrale Soliman per sventare gli attacchi dei padroni di casa.
A 5 minuti dalla fine entra Mantovani attaccante del Vangadizza il quale si procura le due occasioni più clamorose della partita per sbloccare il risultato, la prima Tosato dopo una mischia in area a pochi centimetri dalla linea di porta si fa incredibilmente anticipare, la seconda su lancio di Zerlottin il neo entrato Mantovani si lancia verso la porta ma poco prima di entrare in area e calciare a rete viene steso  con conseguente punizione e cartellino giallo per  il difensore di Borgo Soave. Batte Soliman che calcia molto forte ma la palla esce abbondantemente fuori alla sinistra del portiere.
Nonostante i 3 minuti di recupero non succede più nulla e la partita si congela sul risultato di 0-0.